Cannabis: canapa e marijuana, quali sono le differenze?

La canapa e la marijuana sono due nomi popolari per la pianta di cannabis.

Il termine cannabis il più delle volte non sarebbe equiparato alla plastica a base vegetale, alla carta resistente o al tessuto militare.

Ma in realtà, la cannabis ha tanto a che fare con questi prodotti industriali di canapa come con la droga ricreativa meglio nota come marijuana o erba.

Ciò pone la domanda: in che modo la canapa è diversa dalla marijuana?

1 Genetica

Si ritiene che la cannabis sia una delle più antiche colture domestiche. Nel corso della storia, gli esseri umani hanno coltivato diverse varietà di cannabis per usi industriali e medici.

Le piante alte e robuste sono state coltivate dalle prime civiltà per produrre una varietà di cibi, oli e tessuti, come corda e tessuti. Queste piante sono state allevate con altre piante con le stesse caratteristiche, portando al tipo di cannabis che ora conosciamo come canapa.

Altre piante furono riconosciute per essere psicoattive e furono allevate selettivamente per scopi medici e religiosi. Ciò ha portato a varietà uniche di cannabis che ora conosciamo come marijuana.

In realtà, gli scienziati ritengono che la separazione iniziale del pool genetico di cannabis abbia portato a due distinti tipi di piante di cannabis.

Le due specie (o sottospecie) di cannabis sono conosciute come Cannabis indica e Cannabis sativa.

2 Contenuto del THC

Le piante di cannabis contengono composti unici chiamati cannabinoidi. La ricerca attuale ha rivelato oltre 60 diversi cannabinoidi finora, ma il THC è il più conosciuto.

Mentre le piante di marijuana contengono alti livelli di THC, la canapa contiene pochissima sostanza chimica psicoattiva. Questa singola differenza è ciò che più conta per distinguere la canapa dalla marijuana. Ad esempio, paesi come il Canada hanno fissato il contenuto massimo di THC della canapa allo 0,3%. Ogni cannabis con livelli di THC più alti è invece considerata marijuana.

In confronto, la marijuana medica produce in media tra il 5-20% di THC , con ceppi di premio che inclinano la scala al 25-30% di THC.

Le piante di canapa e marijuana contengono un altro importante cannabinoide: il CBD. Le piante di canapa producono più CBD che THC, mentre la marijuana produce più THC che CBD. È interessante notare che la ricerca ha dimostrato che il CBD agisce per ridurre gli effetti psicoattivi del THC, separando ulteriormente la canapa dalla marijuana.

canapa.jpg

3 Coltivazione

La canapa e la marijuana vengono coltivate per diversi usi e richiedono quindi condizioni di crescita diverse.

La cannabis medica è stata selettivamente allevata per generazioni e le sue caratteristiche sono ottimizzate nel suo ambiente di coltivazione per produrre piante femminili che producono fiori in erba nella fase di fioritura del loro ciclo vitale.

Al contrario, le piante di canapa come "principalmente maschili, senza rappresentare germogli in fiore in qualsiasi fase del loro ciclo vitale".

Invece, secoli di allevamento selettivo hanno portato a "concentrazioni relativamente basse di THC e piante alte e in rapida crescita ottimizzate per una maggiore gambo raccolti. "

Raggiungere i livelli massimi di THC nella marijuana è difficile e richiede un'attenzione particolare alle condizioni dell'ambiente di coltivazione. I coltivatori di marijuana di solito mirano a mantenere livelli stabili di luce, temperatura, umidità, CO2 e ossigeno, tra le altre cose.

D'altra parte, la canapa viene solitamente coltivata all'aperto per massimizzarne le dimensioni e la resa e minore è l'attenzione rivolta alle singole piante.

 

Carlo Spina
Author: Carlo Spina
Articolista e manager esperto, mi concentro nell'ambito informativo che rendo efficace grazie a tecniche SEO per l'indicizzazione e il posizionamento sui motori di ricerca.

Tags: cannabis,, cannabis light,, cannabis legale, cbd, prodotti con cbd

On Fire