Gestione magazzino, consigli utili per migliorarla

Se hai un’azienda che ha bisogno di un magazzino per lo stoccaggio della merce ti servirà sapere come gestire il deposito adeguatamente e nel modo più ottimale possibile, organizzare lo spazio è fondamentale, così come trovare il giusto compresso tra la quantità di articoli che occorre avere subito pronti per la spedizione e quelli da preparare per gli imballaggi.

Il primo obiettivo per un’azienda resta comunque quello di trovare un punto d’accordo tra il numero di articoli sufficienti a soddisfare la richiesta dei clienti e l’esigenza di tenere un numero basso di scorte legata al budget da investire.

gestione magazzino

Dopo aver stabilito la quantità di scorte sufficienti a rispondere alle esigenze dei clienti, bisogna pensare ad adibire un ambiente che sia adeguato alla loro conservazione, facilitandone la gestione al suo interno.

Per far questo è necessario ottimizzare la gestione del magazzino, organizzandosi al meglio in modo da conservare e spostare la merce con la massima semplicità, se non sia come fare prova a seguire questi consigli.

1) Fai una lista dei prodotti

Realizza un elenco completo di tutti i prodotti che vuoi inserire nel magazzino per capire con precisione lo spazio che andranno ad occupare e quello che sarà libero per i vari spostamenti.

2) Spazio

È importante pianificare la disposizione degli scaffali, degli scomparti e delle mensole, ipotizzare una suddivisione delle scorte per tipo di articolo, sfruttare spazi dinamici e riorganizzare tutto secondo esigenze future. In caso di aumento di scorte è bene considerare dello spazio in più a disposizione da poter gestire.

3) Calcola bene i tempi

Avere un calcolo di precisione delle tempistiche di permanenza ed evasione della merce permette di comprendere quanto tempo ogni porzione del deposito resterà occupata.

4) Calcola le misure

Prendi bene le misure all’interno del locale utilizzato come magazzino in modo da ottimare perfettamente gli spazi e avere meno spese per la movimentazione degli articoli, preferisci un contesto in altezza, risparmierai anche sui costi di riscaldamento e raffreddamento dell’ambiente.

5) Rampe carico-scarico

Se necessiti di fare numerose movimentazioni devi inserire delle rampe che rendono più semplice gli spostamenti, soprattutto dei prodotti più pesanti o di grandi dimensioni.

6) Supporti e appoggi per la merce

 Puoi disporre a terra la merce più pesante così come quella che sai che vendi di più, mentre mettere su piani rialzati gli articoli più leggeri o quelli che vengono richiesti con meno frequenza dai clienti.

 7) Utilizza le etichette

Può essere molto utile catalogare gli scatoloni facendo una suddivisione per tipo di articolo, aggiungendo anche una breve descrizione in modo da poter trovare facilmente ogni oggetto quando ne avrai bisogno.

8) Utilizza un software per la gestione

Per una gestione ottimale della merce in giacenza, in entrata e in uscita affidati a un software magazzino, un programma che ti permette di gestire tutto il magazzino automatizzando le procedure della gestione dei movimenti al suo interno, alleggerendo il carico di lavoro e riducendo, quindi, la possibilità di commettere degli errori.

Add a comment

Sicurezza sul lavoro: guida per gli imprenditori

La legge chiede la piena tutela della sicurezza e della salute dei tuoi lavoratori: sei in regola con tutti gli adempimenti previsti per la tua tipologia di attività?

La nuova e più recente normativa (D.Lgs 81/2008 ex 626/94) relativa alla Sicurezza del Lavoro, sottolinea come la salute e la sicurezza dei lavoratori debbano essere requisito irrinunciabile e imprescindibile per ogni azienda.

Add a comment

Il vocalist, una delle professioni-sogno di molti giovani

Negli ultimi anni si è fatta strada nel mondo della musica una nuova figura professionale: il vocalist. Ma chi è esattamente un vocalist? Ecco tutti i dettagli e curiosità su questa nuova professione musicale, a cui sempre di più i giovani aspirano.

Vocalist: una presenza fondamentale per animare una serata in discoteca

Innanzitutto è necessario chiarire che il termine vocalist per questa figura professionale viene utilizzato in maniera impropria. In inglese con il termine vocalist non ci si riferisce al vocalist come lo intendiamo noi in Italia ma il cantante che accompagna un altro cantante.

In Italia invece il vocalist è di fatto un animatore di locali notturni. Il suo compito principale è quello di riscaldare l'atmosfera della discoteca, lavorando fianco a fianco con il Dj. Il vocalist intrattiene le persone in pista o ai tavoli con la sua voce, salutandole e invitandole a godersi la musica del locale.

A prima vista potrebbe sembrare una figura superflua, ma non è affatto così. La presenza di un vocalist è fondamentale per ravvivare una serata, che in sua mancanza potrebbe divenire noiosa, floscia, senza anima. Il vocalist è a tutti gli effetti una figura indispensabile per la buona riuscita della serata, al pari del Dj e delle cubiste.

Addirittura ci sono alcuni vocalist che vengono pagati più dei Dj. Il vocalist quindi può diventare un lavoro veramente remunerativo se si considera che gli strumenti principali di cui si serve sono la sua voce, la sua personalità e la sua energia.

Il Vocalist, la professione sogno di molti giovani

Molti giovani si dedicano con passione alla professione di vocalist come BROSS, nome d'arte di Mattia Romio, che dal 2015 anima diversi locali, tra cui Discoteca Stargate, Crystal Club, Dorian Gray, Berfis Club, Alterego Club e Festa Grande Santaviola. Bross, per due anni consecutivi ha partecipato al tour estivo di Yano e Morgan, Dj afro molto conosciuti in Veneto. Inoltre nel 2017 il vocalist-performer BROSS ha creato un format insieme a Sebastian Bayl, Dj molto noto nella zona di Verona, chiamato appunto BROSS&BAYL, con il quale ha l'occasione di esibirsi su palchi importanti del Veneto.

Per contattare BROSS: Facebook BROSS Instagram bross_voice

Le responsabilità di un vocalistharms-way-live-photo-by-rick-beaulieu-web.jpg

 

Il vocalist si serve di uno strumento molto potente a livello comunicativo che comporta tante responsabilità: il microfono.

É fondamentale che il vocalist faccia bene attenzione a quello che dice, perchè viene ovviamente sentito da tutte le persone presenti nel locale. Sarebbe bene che il vocalist evitasse di parlare di argomenti spinosi che potrebbero accendere conflittualità, soprattutto è bene che stia alla larga dai commenti politici e razzisti. La responsabilità è ancora maggiore quando il vocalist lavora in diretta radio e quindi le persone che lo ascoltano sono ancora di più. Quindi se il vostro sogno è quello di diventare un vocalist professionista è bene che vi alleniate da subito a pensare bene prima di parlare, a prepararvi in anticipo i vostri commenti, lasciando poco spazio all'improvvisazione...

Add a comment

On Fire